lunedì 31 maggio 2010

zia riccetta e la vendetta! (puntata 3 di chissà.)




si avvicina a giorni lesti
il passaggio siderale:
che si inchinino le folle,
si concretino apogèi!
che fioriscano bei gesti
nel trionfo aggettivale
corre un fremito alla pelle -
siamo solo a meno sei :)

"A livella" che piace tanto assai al nostro papà



Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

venerdì 28 maggio 2010

#splendida40enne, perdonare gli amici è una bellissima maniera di vendicarsi.




e comunque, nel caso, ti ricordo... c'erano pure loro! ;-D
lacurci, biljana, roger, vanessa/piccola, bic, barluz, carlo, cromosuomo, davide, MammYX/verascozzafava, filippocioni, stellamari/mariposa

Errare è umano, perdonare divino. Non so perchè ma sembrava opportuno ricordarlo... :-D lol





...continua il countdown, zia riccetta :)

andatura sbarazzina, l'incarnato di una pesca
fa difetto un po' la vista (è il computer! non l'età!)
se si arrabbia ha i ricci a punta, e il naviglio va in burrasca
si sconsiglia, quindi, amici, di notar gli anni che ha già :)

giovedì 27 maggio 2010

il mio posto é là

Questo 3 post sono merito :-) e colpa ;-) del mio #AmicoDiUnaSera @iMaxx che ieri tra un twitt e l'altro con la citazione "il mio posto é là" mi ha ricordato un bellissimo monologo di Lella Costa (per l'appunto!) che ho cercato disperatamente su YouTube. Quel monologo non l'ho trovato (ho trovate solo un estratto dei testi) ma Traviata, l'intelligenza del cuore e La canzoncina dell'inadeguata sono valse l'impegno.

grazie #AmicoDiUnaSera :-)



Quando una come me ha un'educazione sentimentale che va da Flaubert a Mogol-Battisti, passando per Negrini-Facchinetti, da grandi è dura! Si fa fatica, si hanno delle eredità pesantissime.

Io, per anni ho ignorato quanto mi avesse influenzato il testo di una canzone che ho amato moltissimo, anche se è vergognosa; è una canzone dei pooh bellissima, si chiamava Tanta voglia di lei . Ve la ricordate ? Si, per chi non se la ricordasse o per chi è troppo giovane,vi rammento che la trama è la stessa di Attrazione fatale...solo senza lo spargimento di sangue... Però identica. C'è questo lui, protagonista della situazione, sposato, però un po' farfallone, che ha un'avventura con una lei...minorenne e straniera, suppongo, visto che le dice " Tu non dici una parola, sei più piccola che mai"... E presumibilmente anche molto indigente, se non additittura extra-comunitaria come si dice oggi, visto che la battuta successiva è : " E in silenzio morderai le lenzuola." E su, comprale un panino ! Invece no, questa è un astuzia degli autori per farci capire, senza dirlo, dove si trovano i nostri protagonisti: sono a letto. lei divora la federa, quindi sono a letto. Quello che non è chiaro, invece, è se avvenga o meno il fattaccio, l'irreparabile; tant'è che lui a un certo punto la butta là"

Lella Costa, - Un passaggio di "Malsottile mezzo gaudio"
da La daga nel loden - Feltrinelli 1992



Lella Costa Le ragazze sapiens sapiens...

Traviata, l'intelligenza del cuore



Lella Costa, Traviata, l'intelligenza del cuore, 2005

La canzoncina dell'inadeguata




O troppo alta, o troppo bassa
Le dici magra, si sente grassa
Son tutte bionde, lei e’ corvina
Vanno le brune, diventa albina
Troppo educata, piaccion volgari
Troppo scosciata per le comari
Sei troppo colta preparata
Intelligente, qualificata
Il maschio e’ fragile, non lo umiliare
Se sei piu’ brava non lo ostentare
Sei solo bella ma non sai far niente
Guarda che oggi l’uomo e’ esigente
L’aspetto fisico piu’ non gli basta
Cita Alberoni e butta la pasta
Troppi labbroni non vanno piu’
Troppo quell seno, buttalo giu’
Bianca la pelle, che sia di luna
Se non ti abbronzi, non sei nessuna
L’estate prossima con il cotone
Tornan di moda i fianchi a pallone
Ma per l’inverno la moda detta
Ci voglion forme da scolaretta
Piedi piccini, occhi cangianti
Seni minuscoli, anzi giganti
Alice assaggia, pilucca, tracanna
Prima e’ due metri, poi e’ una spanna
Alice pensa, poi si arrabatta
Niente da fare, e’ sempre inadatta
Alice morde, rosicchia, divora
Ma non si arrende, ci prova ancora
Alice piange, trangugia, digiuna
E’ tutte noi, e’ se stessa, e’ nessuna.

Lella Costa, la canzoncina dell'inadeguata, Da "Alice, una meraviglia di paese", 2008

mercoledì 26 maggio 2010

Accorcia le distanze.

Ieri mattina ho svegliato Hulko perché si preparasse per la scuola. Ha aperto gli occhi e gli ho sorriso. Si è alzato è andato in bagno, mi guardava, gli ho sorriso. Mi ha raggiunto in cucina, gli ho domandato cosa volesse per colazione e gli ho sorriso.
- Cereali.
L'ho guardato mentre versavo i Cheerios nella tazza, e lui:
- Sei strana, mamma.
Sorridendogli:
- Perché dici così?
- Per 3 motivi.
- Sentiamo.
- Primo perché di solito stiri solo nei festivi. Secondo perché sei molto affettuosa. Terzo perché mi hai svegliato in ritardo.
Ci tengo a precisare che lo sveglio spesso in ritardo, stiro poco e male indipendentemente dai santi del calendario e sono sempre un po' stucchevole nelle relazioni interpersonali ma di solito carburo in tarda mattinata.
In realtà era un'osservazione che non prevedeva risposta, così si era già dedicato ai cereali mentre io la metabolizzavo.
Ma prima che uscissimo ne aveva un'altra in serbo, sparata così mentre gli davo le spalle per raccogliere borsa e chiavi dell'auto,
- Mamma tu puoi ancora partorire?

domenica 23 maggio 2010

Il principe che sposò una rana

C'era una volta un Re che aveva tre figli in età da prender moglie. Perché non sorgessero rivalità sulla scelta delle tre spose, disse:
- Tirate con la fionda più lontano che potete: dove cadrà la pietra là prenderete moglie.
I tre figli presero le fionde e tirarono. Il più grande tirò e la pietra arrivo sul tetto di un Forno ed egli ebbe la fornaia.
Il secondo tirò e la pietra arrivò alla casa di una tessitrice. Al più piccino la pietra cascò in un fosso.
Appena tirato ognuno correva a portare l'anello alla fidanzata.
Il più grande trovò una giovinotta bella soffice come una focaccia, il mezzano una pallidina, fina come un filo, e il più piccino, guarda guarda in quel fosso, non ci trovò che una rana.
Tornarono dal Re a dire delle loro fidanzate.
- Ora - disse il Re - chi ha la sposa migliore erediterà il regno. Facciamo le prove - e diede a ognuno della canapa perché gliela riportassero di lì a tre giorni filata dalle fidanzate, per vedere chi filava meglio.
I figli andarono delle fidanzate e si raccomandarono che filassero a puntino; e il più piccolo tutto mortificato, con quella canapa in mano, se ne andò sul ciglio del fosso e si mise a chiamare:

- Rana, rana!
- Chi mi chiama?
- L'amor tuo che poco t'ama.
- Se non m'ama , m'amerà quando bella mi vedrà.

E la rana salto fuori dall'acqua su una foglia.
Il figlio del Re le diede la canapa e disse che sarebbe ripassato a prenderla filata dopo tre giorni.
Dopo tre giorni i fratelli maggiori corsero tutti ansiosi dalla fornaia e dalla tessitrice a ritirare la canapa.
La fornaia aveva fatto un bel lavoro, ma la tessitrice - era il suo mestiere - l'aveva filata che pareva seta.
E il più piccino? Andò al fosso:

- Rana, rana!
- Chi mi chiama?
- L'amor tuo che poco t'ama.
- Se non m'ama , m'amerà quando bella mi vedrà.

Saltò su una foglia e aveva in bocca una noce.
Lui si vergognava un po' di andare dal padre con una noce mentre i fratelli avevano portato la canapa filata; ma si fecero coraggio e andò.
Il Re che aveva già guardato per dritto e per traverso il lavoro della fornaia e della tessitrice, aperse la noce del più piccino, e intanto i fratelli sghignazzavano.
Aperta la noce ne venne fuori una tela così fina che pareva tela di ragno, e tira tira, spiega spiega, non finiva mai , e tutta la sala del trono ne era invasa.
"Ma questa tela non finisce mai!" disse il Re, e appena dette queste parole la tela finì.
Il padre, a quest'idea che una rana diventasse regina, non voleva rassegnarsi.
Erano nati tre cuccioli alla sua cagna da caccia preferita, e li diede ai tre figli: - Portateli alle vostre fidanzate e tornerete a prenderli tra un mese: chi l'avrà allevato meglio sarà regina.
Dopo un mese si vide che il cane della fornaia era diventato un molosso grande e grosso, perché il pane non gli era mancato; quella della tessitrice, tenuto più a stecchetto, era venuto un famelico mastino. Il più piccino arrivò con una cassettina, il Re aperse la cassettina e ne uscì un barboncino infiocchettato, pettinato, profumato, che stava ritto sulle zampe di dietro e sapeva fare gli esercizi militari e far di conto.
E il Re disse: - Non c'è dubbio; sarà re mio figlio minore e la rana sarà regina.
Furono stabilite le nozze, tutti e tre i fratelli lo stesso giorno.
I fratelli maggiori andarono a prendere le spose con carrozze infiorate tirate da quattro cavalli, e le spose salirono tutte cariche di piume e di gioielli.
Il più piccino andò al fosso, e la rana l'aspettava in una carrozza fatta d'una foglia di fico tirata da quattro lumache.
Presero ad andare: lui andava avanti, e le lumache lo seguivano tirando la foglia con la rana. Ogni tanto si fermava ad aspettare, e una volta si addormentò.
Quando si svegliò, gli s'era fermata davanti una carrozza d'oro, imbottita di velluto, con due cavalli bianchi e dentro c'era una ragazza bella come il sole con un abito verde smeraldo.
- Chi siete? - disse il figlio minore.
- Sono la rana -, e siccome lui non ci voleva credere, la ragazza aperse uno scrigno dove c'era la foglia di fico, la pelle della rana e quattro gusci di lumaca.
- Ero una Principessa trasformata in rana, solo se un figlio di Re acconsentiva a sposarmi senza sapere che ero bella avrei ripreso la forma umana.
Il Re fu tutto contento e ai figli maggiori che si rodevano d'invidia disse che chi non era neanche capace di scegliere la moglie non meritava la Corona.
Re e regina diventarono il più piccino e la sua sposa.


Il principe che sposò una rana, Italo Calvino

martedì 18 maggio 2010

inzia il countdown, zia riccetta :)



la graziosa zia riccetta, senza dar troppo nell'occhio
già si appresta dei decenni a conchiudere il suo quarto
la dirigon l'amichette a varcare quel crocicchio
e si chiedono: orsù, come? molto vino o un aeroporto?

lunedì 17 maggio 2010

Questa tra un po' (poco) mi serve :-/




Non si è giovani dopo i quarant'anni,
ma si può essere irresistibili a tutte le età.

Coco Chanel

sabato 15 maggio 2010

Una babysitter da favola (need a babysitter today?)

Le favole del Fiocco Gigante | 14

Un giorno il piccolo Claudio giocava sotto il portone, e sulla strada passò un bel vecchio con gli occhiali d'oro, che camminava curvo appoggiandosi ad un bastone, e proprio davanti al portone il bastone gli cadde.
Claudio fu pronto a raccoglierlo e lo porse al vecchio che sorrise e disse: - Grazie, ma non mi serve. Posso camminare benissimo senza. Se ti piace, tienilo. –
E senza aspettare risposta si allontanò, e pareva meno curvo di prima.
Claudio rimase lì con il bastone tra le mani e non sapeva che farne. Era un comune bastone di legno, con il manico ricurvo e il puntale di ferro, e niente altro di speciale da notare.
Claudio picchiò due o tre volte il puntale per terra, poi, quasi senza pensarci, inforcò il bastone ed ecco che non era più il bastone, ma era un cavallo, un meraviglioso puledro nero con una stella bianca in fronte, che si slanciò al galoppo intorno al cortile, nitrendo e facendo sprizzare scintille dai ciottoli.
Quando Claudio, meravigliato e un po’ spaventato, riuscì a rimettere il piede a terra, il bastone era di nuovo un bastone, e non aveva zoccoli ma un semplice puntale arrugginito, né criniera, ma il solito manico ricurvo..
- Voglio riprovare – decise Claudio, quando ebbe ripreso fiato.
Inforcò di nuovo il bastone, e stavolta esso non fu un cavallo, ma un solenne cammello a due gobbe, e il cortile era un immenso deserto da attraversare, ma Claudio non aveva paura e scrutava in lontananza, per vedere comparire l’oasi.
- È certamente un bastone fatato – si disse Claudio, inforcandolo per la terza volta. Adesso era un’automobile da corsa, tutta rossa, col numero scritto in bianco sul cofano, e il cortile una pista rombante, e Claudio arrivava sempre primo al traguardo.
Poi il bastone fu un motoscafo, e il cortile un lago dalle acque calme e verdi, e poi un’astronave che fendeva lo spazio, lasciandosi dietro una scia di stelle.
Ogni volta che Claudio rimetteva il piede a terra il bastone riprendeva il suo pacifico aspetto, il manico lucido, il vecchio puntale.
Il pomeriggio passò veloce tra quei giochi. Verso sera Claudio si riaffacciò per caso sulla strada, ed ecco di ritorno il vecchio dagli occhiali d’oro.
Claudio lo osservò ma non poté vedere in lui niente di speciale: era un vecchio signore qualunque, un po’ affaticato dalla passeggiata.
- Ti piace il bastone? – egli domandò sorridendo a Claudio.
Claudio credette che lo rivolesse indietro, e glielo tese, arrossendo. Ma il vecchio fece cenno di no.
- Tienilo, tienilo – disse. – Che cosa me ne faccio, ormai, di un bastone? Tu ci puoi volare, io potrei soltanto appoggiarmi. Mi appoggerò al muro e sarà lo stesso. –
E se ne andò sorridendo, perché non c’è persona più felice al mondo del vecchio che può regalare qualcosa ad un bambino.



A giocare col bastone. (Gianni Rodari, Favole al telefono)

venerdì 14 maggio 2010

giovedì 13 maggio 2010

Un pugno in un occhio

Oggi stavo osservando lo smalto che mi son messa ieri sulle unghie delle mani e che si sta già consumando un po' sulle punte.
Ho pensato a quella modella spagnola che per puro caso si fermò da noi, in centro, ad acquistare prelibatezze culinarie. Aveva lo smalto rosso carminio perfetto. Non uno sbaffo, non una screpolatura. L'unghia era interamente coperta e perfettamente lucida, un poco arrotondata sulla punta come usavano prima e come, tra l'altro, piacciono a me. Le unghie quadrate, forse per i numerosi porno, mi sanno di "tegamona".
Ho scoperto infatti che uno dei mie feticci son le dita magre, affusolate, ben curate, con le unghie perfettamente laccate e limate secondo i canoni estetici di prima, credo degli anni settanta. Se poi mi fai vedere film dove le attrici devono pure parlare al telefono, con quei telefoni anni settanta con la cornetta grossa e lucida, quei telefoni a disco insomma, bè, metterei il fermo immagine e accarezzerei lo schermo (si veda come esempio L'uomo che amava le donne di Truffaut). Adoro adoro adoro, non chiedetemi perchè. Certe perversioni mica si spiegano. Si vivono.

Quel giorno notai lo smalto della tizia e pensai -sommessamente però, perché era così bella e io così povera fiammiferaia russa che pensavo potesse leggermi nel pensiero- Non deve fare un cazzo, sennò non ce l'avrebbe così perfette, le unghine.

Le mie clienti invece, giovani studentesse americane, lo portano tutto consumato e smangiucchiato anche fino alla radice dell'unghia. Credono che l'effetto trasandato doni un tocco progressivo e rivoluzionario al loro look. Lo vedono dalle foto di VIP che scelgono look shabby chic, o, come dice un'amica trasanda[to] chic. Peccato loro paghino fior di quattrini degli stylist personali.

Io credo che bisogna fare attenzione al dettaglio e bisogna donargli il significato che si merita. Il dettaglio non deve essere lasciato al caso, perderebbe la sua forza e la sua originalità, forse anche il suo nome. Non possiamo inserirlo in un contesto che non lo includa come parte di un tutto. Dettaglio di... dettaglio in... dettaglio per... dettaglio da... non fatemi ripetere tutte le preposizioni (di a da in con su per tra fra sotto e sopra) tanto avete capito.

Lo smalto screpolato deve essere contestualizzato in uno look ben preciso. Non puoi vestirti classica, casual o sempliciotta per poi portarmi uno smalto mezzo rovinato, sopratutto ai piedi. Ohibò. Mi diventi semplicemente una trasandata, senza lo chic. E poi, diciamocelo, devi essere particolarmente bona per permetterti certi bassezze sennò invece che una moda lanci solo anatemi contro di te: brutta e pure zozza, per dire, eh, si fa per dire che donne brutte non ce ne sono ma uomini, semmai, poco galanti.
Lo smalto di giorni e giorni deve rientrare in una scelta precisa, deve significare qualcosa col resto, non lasciato a sè. Da solo, non dice niente, non racconta niente. Spezza, anzi, un'altra armonia; sconcerta e disorienta chi guarda. ...Come il cavolo a merenda ...Come una falsa magra ...Come chi dietro liceo e davanti museo ...Come un prosecco senza bolle... Come i ritocchi al fotosciop... Come le parti di un viso, o di un corpo, non perfette se analizzate singolarmente ma che si armonizzano col tutto.

A me piace osservare le persone: è uno degli sport che preferisco e che pratico con costanza, assieme al gioco Scarabeo e alle crisi d'ansia (cit. Melinda e Melinda, Woody Allen).
Molti, se li guardi bene, non hanno un naso perfetto, le mani perfette, i piedi perfetti, gli occhi perfetti così da risultare tremendamente perfetti anzi oserei dire pure scialbi, insulsi e elettroencefalogrammamente piatti (a questi personaggi perfetti si chiede spesso di avere una personalità prorompente che fa da dettaglio importante che spezzi la monotonia della loro perfezione, proprio come lo smalto mangiato su di un personaggio rock).
Tuttavia se ricongiungi la parte al tutto scopri che la persona in toto é armoniosa, in poche parole: bella. Con quel non so che. Aggiungerei poi di una bellezza unica, originale e insostituibile. Come il cosmo, come l'uomo rispetto al mondo, come la Natura, come una melodia jazz.

Qui ragazzi trattiamo di critica allo stato puro: inutile, tendenziosa, falsa, figlia del suo tempo ma indubbiamente gradevole. Mica solo cazzi a mazzi.

lindalov
http://lindalov.blogspot.com/2010/04/un-pugno-in-un-occhio.html

domenica 9 maggio 2010

“… Tu sei di tua madre lo specchio,
ed ella in te rivive
il dolce aprile del fior
dei suoi anni…”

William Shakespeare

giovedì 6 maggio 2010

Rivoglio subito:

Tutti i tuoi sorrisi. La nostra complicità. I tuoi modi gentili e tutta la tua saccenza. Farmi abbracciare. Baciarti. Osservarti adorante. Prenderti in giro. Il tuo buongiorno e la mia buonanotte. Emozionarmi al calore della tua voce. Toccarti.  L'intenso scambio messaggistico, dai contenuti praticamente adolescenziale, a sottofondo della giornata. Perdermi sognante nei tuoi silenzi. Sommergerti di parole. Il tuo profumo. Tenerti compagnia durante la tua pausa caffè. Farti arrossire e farmi sgridare. Fare l'amore con te.

Rivoglio te e tutte le emozioni che questi giorni ci hanno portato via.        

mercoledì 5 maggio 2010

domenica 2 maggio 2010

La dieta.

Doppo che ho rinnegato Pasta e pane,
so' dieci giorni che nun calo, eppure
resisto, soffro e seguito le cure...
me pare un anno e so' du' settimane.

Nemmanco dormo più, le notti sane,
pe' damme er conciabbocca a le torture,
le passo a immaginà le svojature
co' la lingua de fòra come un cane.

Ma vale poi la pena de soffrì
lontano da 'na tavola e 'na sedia
pensanno che se deve da morì?

Nun è pe' fà er fanatico romano;
però de fronte a 'sto campà d'inedia,
mejo morì co' la forchetta in mano!


Aldo Fabrizi